Parlare con uno psicologo online e costruire insieme le regole del percorso

Come il terapeuta e il paziente si incontrano online

Parlare con uno psicologo significa molte cose: non solo il contenuto e i temi portati dal cliente, la sua storia e i personaggi messi in campo, ma anche le regole del contesto, il cosiddetto “setting”, la relazione che si instaura, il luogo dell’incontro, il rito dell’appuntamento. Lo psicoterapeuta online stravolge molte di queste prassi: oltre che il contenuto, anche il “setting”, i luoghi e i momenti sono portati all’interno dell’interazione terapeutica dalla persona che si rivolge al professionista e non più istituiti dal professionista stesso. Parlare con uno psicologo online è il setting stesso del percorso, le regole poste fanno parte dei contenuti. Tutto viene co-costruito sulla base delle maggiori possibilità esistenti in una modalità virtuale d’incontro.

A svelarti tutte le novità portate dalla terapia online sono io: Laura Princivalli iscritta all’Ordine degli Psicologi della Lombardia e Psicoterapeuta interazionista in formazione ed è un piacere per me raccontarti le regole e la relazione terapeutica nel contesto online. Se hai delle questioni aperte o desideri iniziare un percorso psicologico online, puoi contattarmi a info@psicoterapeuta-online.com.

Parlare con uno psicologo online: quale setting?

Il setting in psicologia sembra sempre uno degli elementi strategici ai fini del percorso. Il lettino, la poltrona, l’orologio, il tavolino, la rivista, i colori tenui, la libreria, la sala d’attesa: nell’immaginario comune lo psicologo o la psicologa ti accolgono in un luogo preciso che parla prima di tutto di sé. E se quel posto parlasse di te? Nella terapia online il terapeuta sceglie il proprio posto e tu il tuo. Dove vorresti (o dove puoi) parlare con uno psicologo? Per la mia esperienza non sempre la casa è il luogo prediletto: per scelta o molto spesso per esigenze di privacy. Qualcuno videochiama dall’auto, prima di un appuntamento importante, qualcuno dal parco, qualcuno dalla casa al mare. Il setting diventa lo schermo che avvicina due luoghi: quello del paziente e quello del terapeuta.

Costruire insieme tempi e spazi

La terapia è una relazione tra due persone, e rispettivi ruoli, differenti. Il professionista guida l’interazione sulla base di processi di cambiamento, il paziente porta i contenuti e le proprie modalità. La direzione, l’obiettivo, si costruisce insieme. Nel caso del percorso online, anche il luogo dell’incontro, come abbiamo visto, viene scelto da entrambi, come lo strumento che renda possibile la seduta.

E il quando? Il momento dell’incontro è parte dell’interazione terapeutica. L’appuntamento è un rito e parlare con uno psicologo online semplifica le possibilità: puoi incontrare il terapeuta prima o dopo qualche altro impegno, spesso anche in modo strategico, sapendo che una volta aperta o chiusa la schermata, la seduta inizia e finisce. Il rituale della psicoterapia si circoscrive a quel momento, lasciando fuori traffico, parcheggio e mezzi di trasporto, portando invece con sé tutti gli elementi utili: il raccoglimento dopo un colloquio particolarmente intenso, o la giusta carica per l’impegno successivo, o semplicemente la possibilità di evitare stress ulteriore dovuto agli spostamenti.

“Costruire insieme le regole del percorso psicologico è il primo passo verso il cambiamento. La psicoterapia online concede la possibilità di scegliere insieme anche luoghi, tempi e strumenti.”

Leave a comment