Lo psicologo online dopo l’emergenza

Aiuto psicologico oltre il Covid-19

La nuova fase in cui siamo approdati apre a varie riflessioni e porta con sé molte novità. Lo psicologo online si presenta come una nuova figura in campo valutata e testata a tutti gli effetti. Molti, in queste settimane e mesi, si sono affidati a un percorso online per dare continuità a un lavoro su di sé che era già in corso, per prendere finalmente in mano questioni lasciate lì da tempo o per gestire questo periodo in modo diverso. Tra i cambiamenti e il modo nuovo di guardare il mondo che questo momento ci lascia, sicuramente la parte virtuale ricopre un ruolo predominante. Molti servizi, prodotti, attività che prima sembravano possibili solo fisicamente, si sono diffusi anche sotto una nuova forma: quella digitale. Le relazioni mantenute a distanza, e le attività interattive svolte online hanno acquisito valore, in molti casi sono apparse utili, funzionali e addirittura preferibili a quelle di persona. Lo psicologo online è uno di questi. Questo tipo di professionista si appresta a diventare una delle nuove figure di riferimento, portando con sé i vantaggi di questo servizio e i pazienti seguiti in questi mesi, che in tanti casi, scelgono di proseguire la terapia online.

A immaginare il ruolo dello psicologo online oltre l’emergenza sono io: Laura Princivalli iscritta all’Ordine degli Psicologi della Lombardia e Psicoterapeuta interazionista in formazione, ed è un piacere per me condividere con te riflessioni e analisi su questo argomento. Se hai delle questioni aperte o desideri iniziare un percorso psicologico online, puoi contattarmi a info@psicoterapeuta-online.com.

psicologo online

Una nuova idea di relazione e alleanza terapeutica

L’ aiuto psicologico online in questo periodo è stato l’unico possibile per intraprendere o proseguire un percorso terapeutico. Le richieste di supporto che mi sono personalmente arrivate sono varie e di vario genere; racconto di qualche caso nell’articolo “assistenza psicologica ai tempi del Coronavirus”. In termini generali la richiesta di supporto online giunge da persone che vogliono iniziare un percorso per lavorare su di sé per questioni fino a quel momento trascurate, oltre che per problematiche generate dalla quarantena o per le criticità legate al periodo. I contatti provengono da vicino e da lontano e in entrambi i casi sono stati gestiti tramite videocolloquio dando la possibilità a chi fosse vicino di proseguire di persona. Ad oggi tutti i pazienti seguiti online hanno scelto di proseguire nello stesso modo.

A cosa ricondurre questa scelta? Secondo un’analisi delle risposte, all’esperienza vissuta e ai vari vantaggi offerti dalla terapia via web. Le sedute online sono state per molte persone, in un primo momento, l’unica opzione possibile ma, avvicinandosi pian piano a tale modalità operativa si è ridefinita l’idea di “relazione”. La lezione su Zoom, la videochiamata su Whatsapp ai parenti e l’aperitivo su Skype con gli amici hanno allargato le possibilità dello “stare insieme” e così lo psicologo online ha allargato l’immaginario di “alleanza terapeutica” riducendo lo schermo a un mero accessorio comunicativo senza precludere relazioni e cambiamento.

Psicologo online: la nuova figura di riferimento

Il professionista che opera mediato dallo schermo è in grado nella nuova fase, oltre l’emergenza Covid-19, di offrire i vantaggi sperimentati in vari contesti e sotto varie forme in questo periodo dalla maggior parte delle persone. Avvicinandosi e prendendo confidenza con i mezzi di comunicazione digitale, ciascuno ha pian piano colto la flessibilità, la comodità, e l’utilità di questi strumenti in vari contesti e per vari obiettivi, allo scopo comune di uscire dall’emergenza con nuove competenze e con un nuovo sguardo.

“Lo psicologo online dentro e oltre l’emergenza ha gli strumenti che permettono di superare i limiti propri e del mondo esterno.”

Leave a comment